Seaspin

Il Mondo dello Spinning in Mare
Oggi è ven ott 24, 2014 10:30 am

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 108 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3  Prossimo
Autore Messaggio
MessaggioInviato: mer mar 23, 2011 11:33 am 
Non connesso
Operatore Professionale Pesca Sportiva
Avatar utente

Iscritto il: mar apr 04, 2006 3:30 pm
Messaggi: 1500
Località: Roma
Di tutta la serie Ultra Xl da spinning questo modello rappresenta il più potente sia per libraggio che per capacità di lancio.

Immagine

Immagine

E’ una canna pensata per una pesca medio pesante in scogliera o spiaggia.
Le maggiori soddisfazioni me le ha date personalmente proprio dalla scogliera dove ho potuto apprezzare la maggiore lunghezza rispetto alle canoniche sette piedi e soprattutto la notevole potenza della parte centrale e del pedone di questa canna.
In pratica alla Airrus hanno mantenuto una vetta dall’azione fast in ferrata e progressiva durante il combattimento con la preda, il tutto viene poi raccordato con la parte centrale che risulta veramente dura ottenendo così l’azione che noi tester preferiamo per lo spinning in mare.
Per rendere l’idea ho più volte attaccato la canna alla maniglia di una porta e sotto trazione si riesce a piegare la vetta poi la canna si ferma e bisogna impiegare veramente molta forza per piegare la parte centrale.
Visto che ho ricevuto molte domande riguardo la struttura di questa canna, che a molti sembra divisa in due, mi permetto di dare una breve spiegazione tecnica del concetto costruttivo utilizzato da Airrus.
La prima parte che va dal tappo sul rear al primo anello della canna, è stata sviluppata da Airrus in esclusiva con un colosso americano di solito dedito alla produzione di attrezzature di alto livello per aereonautica, golf e sport estremi.
Il brevetto prende il nome di Filament Winding.
Costituisce il nervo della canna, ed è pressoché indeformabile al punto da fornire una schiena ''insolitamente dura'' , una riserva di potenza davvero notevole.

Immagine

Immagine

Altro elemento di pregio della canna e il manico vero e proprio visto come insieme del real seat, del rear grip e del butt finale.
Tutto è studiato per lasciare al pescatore il massimo contatto con il grezzo in modo da aumentare la sensibilità del complesso pescante.
Il Thermalon di cui è realizzata l'impugnatura è un materiale molto più spugnoso dell'eva, con superiori capacità termiche e di grip (piu' aderenza in ogni condizione climatica)
Il butt e' realizzato in sughero gommato per limitare gli urti verticali al grezzo ed attutirli, in modo da allungare la vita dell'attrezzo, inoltre riduce l’attrito con i vestiti rendendo l’azione di pesca più fluida..
Ogni canna viene fornita di una seconda estensione per ridurre la lunghezza del reargrip agevolando l’impiego dell’attrezzo nella pesca dalla barca o in tecniche particolari (drop shot nel mio caso).
In pochi secondi si può passare dal più lungo al più corto semplicemente innestandoli a baionetta.
Gli anelli sono disposti per evitare torsioni durante il combattimento con le prede e gli ultimi vengono montati vicino al grezzo per aumentare la sensibilità e la trasmissione delle vibrazioni.
Per quanto riguarda la prova in pesca la canna fa valere tutte le sue 25lbs comportandosi egregiamente in tutte quelle situazioni che richiedono un controllo superiore della preda.
Si è destreggiata bene con i barracuda, facendo valere la sensibilità della sua vetta e ha dimostrato carattere da vendere durante occasionali incontri con sua maestà la ricciola.

Immagine

Immagine

Nelle mie avventure in scogliera ha sempre dimostrato di cavarsela egregiamente anche in condizioni di mare mosso, proprio quando alla canna chiediamo il massimo e in particolare, durante gli interminabili secondi in cui la preda si trova sotto i nostri piedi sbatacchiata dalle onde.
In questi casi ho più di una volta constatato che l’operazione di tenere in tiro la preda per sottrarla al risucchio dell’onda non impensierisce il fusto granitico della canna e pesci da 1-2kg possono essere volati sugli scogli senza tante smancerie, operazione poco formale ma di grande utilità quando dobbiamo toglierci di torno per scappare da un cavallone in arrivo.
Come ho detto in precedenza la maggiore lunghezza se si pesca alti aiuta nel controllo del pesce e in casi scomodi permette di allontanare piu efficacemente il trecciato dagli scogli insidiosi, spesso in situazioni difficili tenere il trecciato lontano dalle rocce taglienti anche per pochi secondi mi ha salvato la cattura.
Nella gestione degli artificiali e in particolare dei jerk si comporta come ogni Airrus che ho provato….risulta sempre estremamente agevole avvertire il moto dei nostri jerk e la sensazione di sensibilità durante il recupero è netta tanto con i long jerk di nuova generazione che con quelli datati tipo angel kiss e simili.
Con i top water la vetta lavora armoniosamente senza strappare e la rapidità del fusto permette di portare ferrate che bucano facilmente il palato dei pinnuti .
Molto piacevole l’utilizzo dei jig sia i dressati che i metallici, sensibilità e progressione della vetta aiutano a dare un moto ritmico e fluido a questa categoria di esche, soprattutto quando le abbiamo vicino a fine recupero e vogliamo far rimanere il movimento sfarfallante e non a scatti isterici.
Ho anche provato ad usare dei grossi siliconi da 5-7 pollici e non mi ha affatto deluso.
Nelle mie uscite è sempre stata abbinata a mulinelli taglia 4000-4500 caricati con trecciati da 20-30lbs.

_________________
Sergio Molinari
Tester for CASTAIC, REACTION STRIKE, FALCON RODS, AIRRUS RODS,RIPTIDE.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re:
MessaggioInviato: gio lug 14, 2011 8:44 am 
Non connesso
New Entry

Iscritto il: dom giu 19, 2011 10:29 pm
Messaggi: 7
swell 77 siccome mi pare di aver capito che hai un pò di esperienza con le airrus ( :wink: ) mi farebbe piacere se potessi confrontarmi questi tipi di canne:

AIRRUS ULTRA XL 761MH vs AIRRUS ALANO POWER 7'3''

E
AIRRUS ULTRA XL 701MH vs AIRRUS ALANO POWER 6'6''

che differenze hai riscontrato?

grazie


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: AIRRUS ULTRA XL 761MH
MessaggioInviato: gio lug 14, 2011 8:47 am 
Non connesso
Staff Seaspin e Operatore Professionale Pesca Sportiva
Avatar utente

Iscritto il: sab giu 04, 2005 6:53 pm
Messaggi: 12756
Località: (Zena)
come mai la ricciola ha la coda mozzata?

_________________
:grin:
Davide Boledi
Staff Seaspin

pescaricreativa.org
SonOTS un fan accanito e potenzialmente pericoloso del signor Al Backet. Seghi-so!!!


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: AIRRUS ULTRA XL 761MH
MessaggioInviato: gio lug 14, 2011 10:26 am 
Non connesso
Operatore Professionale Pesca Sportiva
Avatar utente

Iscritto il: mar apr 04, 2006 3:30 pm
Messaggi: 1500
Località: Roma
Non stava ferma per la foto e gli ho dato un morso......stasera rispondo alla domanda sulle canne che ora sto in spiaggia e col cel mi ci vuole un ora.

_________________
Sergio Molinari
Tester for CASTAIC, REACTION STRIKE, FALCON RODS, AIRRUS RODS,RIPTIDE.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Re:
MessaggioInviato: ven lug 15, 2011 12:14 pm 
Non connesso
Operatore Professionale Pesca Sportiva
Avatar utente

Iscritto il: mar apr 04, 2006 3:30 pm
Messaggi: 1500
Località: Roma
[quote="luke.ferra"]swell 77 siccome mi pare di aver capito che hai un pò di esperienza con le airrus ( :wink: ) mi farebbe piacere se potessi confrontarmi questi tipi di canne:

AIRRUS ULTRA XL 761MH vs AIRRUS ALANO POWER 7'3''

Allora la Ultra xl presenta un azione più secca abbiamo mantenuto solo la vetta leggermente progressiva ma il pezzo centrale e il tallone sono estremamente fermi.
inoltre la ultra è una 25lbs e ti assicuro che si sentono tutte grazie al tallone in filament winding che trasmette una grande riserva di potenza a tutto il resto della canna.
L'Alano Power invece ha un azione sempre potente ma l'azione è piu' progressiva e tonda e lancia artificiali leggermente più pesanti della ultra.
Entrambe le canne hanno dei grezzi molto resistenti ed adatti all'uso marino.


AIRRUS ULTRA XL 701MH vs AIRRUS ALANO POWER 6'6''

Queste sono due canne molto simili sono in grado di gestire jerk sui 17cm ma allo stesso tempo sono molto sensibili tanto da permetterti di usare anche artificiali in gomma.
La ultra xl è estremamente fast e secca mentre l'alano ha una vetta progressiva e rapida come le canne da skipping che si usano con la gomma a bass.
Sono entrambe molto leggere ma l'Alano Power con i suoi 99gr si colloca tra le canne piu' leggere sul mercato e questo ti permette di usare jerk e wtd per molte ore senza stancarti soprattutto se fai sessioni successive per piu' giorni.

Inutile dire che tutte le canne hanno componentistica affidabile e anelli adatti al trecciato

Come ti ho detto se hai scogliere impegnative prendi una delle piu' lunghe altrimenti le piu' corte si adattano meglio alla pesca su coste basse o in wading.
Avendole tutte e quattro posso assicurarti che come scegli scegli bene considera solo lo spot che frequenti e poi prendi la piu' adatta.
Ciao Sergio :smt023

_________________
Sergio Molinari
Tester for CASTAIC, REACTION STRIKE, FALCON RODS, AIRRUS RODS,RIPTIDE.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: AIRRUS ULTRA XL 761MH
MessaggioInviato: ven lug 15, 2011 1:59 pm 
Non connesso
Staff Seaspin e Operatore Professionale Pesca Sportiva
Avatar utente

Iscritto il: sab giu 04, 2005 6:53 pm
Messaggi: 12756
Località: (Zena)
Swell77 ha scritto:
Non stava ferma per la foto e gli ho dato un morso...


sono curioso, rispondimi :grin:

_________________
:grin:
Davide Boledi
Staff Seaspin

pescaricreativa.org
SonOTS un fan accanito e potenzialmente pericoloso del signor Al Backet. Seghi-so!!!


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: AIRRUS ULTRA XL 761MH
MessaggioInviato: ven lug 15, 2011 4:01 pm 
Non connesso
New Entry

Iscritto il: dom giu 19, 2011 10:29 pm
Messaggi: 7
sergio ancora una cosa: la alano 7'3'' ho letto in alcuni blog che è una canna sensibile, e che alcuni hanno usato anche gomma... per una canna così potente è possibile anche l'utilizzo di gomma?!?


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: AIRRUS ULTRA XL 761MH
MessaggioInviato: sab lug 16, 2011 11:31 am 
Non connesso
Operatore Professionale Pesca Sportiva
Avatar utente

Iscritto il: mar apr 04, 2006 3:30 pm
Messaggi: 1500
Località: Roma
La 7'3'' non è il massimo della sensibilità è fatta per altri scopi..soprattutto per i jerk e i topwater...ciò nonostante l' ho spesso impiegata con le striper candy che sono delle anguille in silicone da 6'' piuttosto corpose e devo dire che si sentono discretamente bene....certo non chiedergli di sentire un silicone da 3'' perchè non ci riuscira mai.

L'Alano da 6'6'' invece è molto sensibile e ci puoi fare tranquillamente gomma, jerk e topwater fino a 30gr.

PER Davide: non ricordo nessuna ricciola di quelle che ho catturato che aveva la coda mozzata, probabilmente si muoveva e la pinna si è piegata al momento della foto :smt023

_________________
Sergio Molinari
Tester for CASTAIC, REACTION STRIKE, FALCON RODS, AIRRUS RODS,RIPTIDE.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: AIRRUS ULTRA XL 761MH
MessaggioInviato: dom lug 17, 2011 2:29 pm 
Non connesso
Staff Seaspin e Operatore Professionale Pesca Sportiva
Avatar utente

Iscritto il: sab giu 04, 2005 6:53 pm
Messaggi: 12756
Località: (Zena)
Boh, se non lo sai tu...
Era curiosa come cosa... Se guardi la foto lo vedi e magari ti ricordi :grin:

_________________
:grin:
Davide Boledi
Staff Seaspin

pescaricreativa.org
SonOTS un fan accanito e potenzialmente pericoloso del signor Al Backet. Seghi-so!!!


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: AIRRUS ULTRA XL 761MH
MessaggioInviato: dom lug 17, 2011 7:01 pm 
Non connesso
Operatore Professionale Pesca Sportiva
Avatar utente

Iscritto il: mar apr 04, 2006 3:30 pm
Messaggi: 1500
Località: Roma
Davide ha scritto:
Boh, se non lo sai tu...
Era curiosa come cosa... Se guardi la foto lo vedi e magari ti ricordi :grin:


L'ho vista la foto :smt023 poi non è che prendo 30 ricciole l' anno ne ho fatte 5 in tutto l'anno e come ti ho detto avevano tutte le pinne sane.
Se ci fai caso la foto è un po' sfocata perche' il pesce era vivo e in movimento, probabilmente una parte della pinna si è piegata al momento della foto :smt102

Sono sicuro che tutte avevano pinne sane :smt023
Come mai ti sembrava curiosa una ricciola con la pinna mozzata???

_________________
Sergio Molinari
Tester for CASTAIC, REACTION STRIKE, FALCON RODS, AIRRUS RODS,RIPTIDE.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: AIRRUS ULTRA XL 761MH
MessaggioInviato: lun lug 18, 2011 7:19 am 
Non connesso
Staff Seaspin e Operatore Professionale Pesca Sportiva
Avatar utente

Iscritto il: sab giu 04, 2005 6:53 pm
Messaggi: 12756
Località: (Zena)
le ricciole, per quanto conosco, non hanno la coda pieghevole mi sembra, mi sembra strana perchè magari è stata morsicata da qualche predatore...

Inoltre da dove spunta il resto della coda? ...a meno che non sia "la coda nella roccia" :smt005

se non è strana una cattura senza mezza coda... :-D

vabbè, non mi vuoi rispondere... :smt015 ...tienti il segreto :grin:

_________________
:grin:
Davide Boledi
Staff Seaspin

pescaricreativa.org
SonOTS un fan accanito e potenzialmente pericoloso del signor Al Backet. Seghi-so!!!


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: AIRRUS ULTRA XL 761MH
MessaggioInviato: lun lug 18, 2011 11:21 am 
Non connesso
Operatore Professionale Pesca Sportiva
Avatar utente

Iscritto il: mar apr 04, 2006 3:30 pm
Messaggi: 1500
Località: Roma
Mi fai morire da ridere...giuro che l'aveva la pinna...mica ciò i segreti te lo avrei detto se mancava, sarà un effetto ottico dovuto al movimento....anche se la pinna nella roccia è troppo forte :smt005 :smt005 :smt005 :smt005 :smt023

_________________
Sergio Molinari
Tester for CASTAIC, REACTION STRIKE, FALCON RODS, AIRRUS RODS,RIPTIDE.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: AIRRUS ULTRA XL 761MH
MessaggioInviato: lun lug 18, 2011 12:48 pm 
Non connesso
Staff Seaspin
Avatar utente

Iscritto il: sab nov 29, 2008 5:25 pm
Messaggi: 1893
Località: isola dei nuraghe
Davide ha scritto:
le ricciole, per quanto conosco, non hanno la coda pieghevole mi sembra, mi sembra strana perchè magari è stata morsicata da qualche predatore...

Inoltre da dove spunta il resto della coda? ...a meno che non sia "la coda nella roccia" :smt005

se non è strana una cattura senza mezza coda... :-D

vabbè, non mi vuoi rispondere... :smt015 ...tienti il segreto :grin:

la coda e nescosta nella vegetazione della roccia, sembra pietra ma è alga :wink:

_________________
Massimo Pau
Staff Seaspin

sud ovest sardegna....

martellare sempre... sopratutto adesso che il cerchio è chiuso...

Immagine Immagine


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: AIRRUS ULTRA XL 761MH
MessaggioInviato: lun lug 18, 2011 1:20 pm 
Non connesso
Staff Seaspin e Operatore Professionale Pesca Sportiva
Avatar utente

Iscritto il: sab giu 04, 2005 6:53 pm
Messaggi: 12756
Località: (Zena)
ahha!!! :smt005

ecco l'arcano , è alga, ma pensa te che effetto!!! ed essendo rigida la cosa è entrata! "la coda nell'alga" :smt005

ero (e sono) troppo curioso! :-D

_________________
:grin:
Davide Boledi
Staff Seaspin

pescaricreativa.org
SonOTS un fan accanito e potenzialmente pericoloso del signor Al Backet. Seghi-so!!!


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: AIRRUS ULTRA XL 761MH
MessaggioInviato: lun lug 18, 2011 8:23 pm 
Non connesso
Staff Seaspin
Avatar utente

Iscritto il: sab nov 29, 2008 5:25 pm
Messaggi: 1893
Località: isola dei nuraghe
Davide ha scritto:
ahha!!! :smt005

ecco l'arcano , è alga, ma pensa te che effetto!!! ed essendo rigida la cosa è entrata! "la coda nell'alga" :smt005

ero (e sono) troppo curioso! :-D

è impossibile che la pinna si pieghi senza spezzarsi :smt023 :smt039 :smt039

_________________
Massimo Pau
Staff Seaspin

sud ovest sardegna....

martellare sempre... sopratutto adesso che il cerchio è chiuso...

Immagine Immagine


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: AIRRUS ULTRA XL 761MH
MessaggioInviato: mar lug 19, 2011 11:23 am 
Non connesso
Operatore Professionale Pesca Sportiva
Avatar utente

Iscritto il: mar apr 04, 2006 3:30 pm
Messaggi: 1500
Località: Roma
La teoria di stambe è possibile....però la "coda nella roccia" me fa troppo ride :smt005 :smt005 :smt005

_________________
Sergio Molinari
Tester for CASTAIC, REACTION STRIKE, FALCON RODS, AIRRUS RODS,RIPTIDE.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: AIRRUS ULTRA XL 761MH
MessaggioInviato: mar set 13, 2011 4:50 pm 
Non connesso
Staff Seaspin e Operatore Professionale Pesca Sportiva
Avatar utente

Iscritto il: sab giu 11, 2005 11:47 pm
Messaggi: 3837
Località: carbonia
Non volendo essere frainteso dico subito che il mio intervento non è rivolto a Swell, che ha esposto il suo pensiero per quelle che sono le sue sensazioni e le sue conoscenze dei vari aspetti e nel farlo ha sicuramente agito in buona fede.

Il mio è un intervento che vuole dare ad una questione tecnica un inquadramento un po’ più rigoroso, cercando di riportare la tecnologia del filament winding, dal nome roboante ma di uso comunissimo nel campo degli attrezzi sportivi come in tanti altri settori, al suo corretto inquadramento tecnico-economico quale scelta costruttiva per i fusti delle canne. Scelta che invero negli ultimi anni, col mercato globale e i grandi numeri è in continua crescita.

Non un intervento diretto a Swell, dicevo, dal quale comunque prendo spunto, ma a favore di quella correttezza di informazione (in questo caso tecnica) che per ormai oltre un decennio ha decretato l’importanza del ruolo che seaspin si è ritagliato nel mondo degli appassionati spinnofili.

Men che meno un intervento pro o contro la canna oggetto del close up, che come tutti gli attrezzi “umani” avrà i suoi pregi e i suoi difetti., anche se un invito ad argomentare in modo tecnicamente corretto se non rigoroso le considerazioni qualitative è opportuno quando si interviene in un close up, che è un tipo di discussione diversa da un report di catture o di un racconto di pesca dove farsi trascinare dall’entusiasmo non solo è normale ma in genere piacevole alla lettura.

Swell77 ha scritto:
Visto che ho ricevuto molte domande riguardo la struttura di questa canna, che a molti sembra divisa in due, mi permetto di dare una breve spiegazione tecnica del concetto costruttivo utilizzato da Airrus.
La prima parte che va dal tappo sul rear al primo anello della canna, è stata sviluppata da Airrus in esclusiva con un colosso americano di solito dedito alla produzione di attrezzature di alto livello per aereonautica, golf e sport estremi.
Il brevetto prende il nome di Filament Winding.
Costituisce il nervo della canna, ed è pressoché indeformabile al punto da fornire una schiena ''insolitamente dura'' , una riserva di potenza davvero notevole.


ecco, l’enfasi con la quale si parla di filament winding mi pare porti a pensare che sia una tecnologia adatta ad ottenere prodotti di alta fascia e con caratteristiche non ottenibili con altre tecnologie

In realtà, il filament winding è una tecnologia comunissima e conosciuta da non meno di 40 anni, che viene scelta per produzioni di grande serie e per abbattere i costi; è adatta cioè a grandi numeri ed a prodotti di prezzo contenuto, non certo a prodotti di fascia alta, vedi ad esempio pag 18-19 …., ma per chi è curioso la lettura di tutto il paragrafo è istruttiva:

http://www.google.it/url?sa=t&source=we ... Dc1EGdIxlg

fra gli svantaggi di questa tecnologia per la realizzazione di fusti per canne da pesca c’è quello dell’impossibilità tecnica di avvolgere fibre a 0° sul mandrino e soprattutto l’impossibilità di interrompere le fibre in corrispondenza di segmenti di fusto intermedi, che è invece il metodo usato con la tecnologia classica delle canne con fusto ad azione progressiva. Ecco perché per avere un manico rigido e una vetta con una azione decente, col filament winding, si è costretti a costruire la canna con due segmenti di spessore diverso.

Il gradino fra manico e vetta, se non dipende da un innesto di due pezzi, è sicuramente dovuto al fatto che il fusto è ottenuto in due fasi, la prima con avvolgimento assiale con cui si costruisce vetta e primo strato del manico, la seconda con avvolgimento elicoidale, al fine di rinforzare il manico
Questo perché con l’avvolgimento solo assiale non si può avere una azione progressiva, mentre con l’avvolgimento solo elicoidale non si possono avere fibre orientate secondo l’asse della canna
Scusate la sintesi ma se si vuole possiamo approfondire.

Purtroppo questo metodo costruttivo crea un gradino, una discontinuità, che in una canna di alta fascia sarebbe inaccettabile, perché crea una concentrazione di sforzo che, per evitare rotture in quel punto, costringe a surdimensionare le sezioni della canna in quelle sezioni, provocando proprio quella sensazione di “insolitamente dura” che non è un pregio in assoluto, ma se troppo brusca può essere un divetto; infatti il pregio delle canne ad azione progressiva monopezzo è proprio quello di avere una azione ed una erogazione di potenza che variano con continuità e senza sbalzi dalla vetta al manico; è una azione che col filament winding non si può ottenere proprio per i limiti intrinseci della tecnologia.

Diverso se si vuole un fusto eminentemente parabolico o una mazza da golf, allora col filament winding si riesce da vare un prodotto eccellente ed economico.

Per fusti monopezzo progressivi, cavallo di battaglia delle varie seeker, calstar, Gloomis, Grafìphite USA, ecc…. la tecnologia della deposizione su un mandrino conico di strati triangolari e trapezoidali di preimpegnati è sempre la più indicata e, per ora, l’unica adatta a prodotti di eccellenza, anche se come svantaggi ha il costo di produzione elevato e l’impossibilità di fare grandissimi numeri, quelli che invece interessano alle grosse aziende che magari lavorano in paesi a manodopera a basso costo, dove è meglio che i processi costruttivi siano affidati alle macchine a controllo numerico, come nel caso del filament winding, piuttosto che alla manualità degli operatori.

_________________
cosa non si fa per una botta...

________________
massimo sanna

consulente tecnico Utopiatackle
consulente tecnico Ambermax Fishing Tools
http://www.ambermaxfishing.com/

collaboratore delle riviste:
Il gommone
La pesca a mosca e spinning

ambermaxesse@gmail.com
cell. 3349356924


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: AIRRUS ULTRA XL 761MH
MessaggioInviato: mar set 13, 2011 5:50 pm 
Non connesso
Senior Member
Avatar utente

Iscritto il: dom ott 12, 2008 10:21 pm
Messaggi: 488
Località: Sicilia, ma emigrato a Torino
Una spiegazione che forse nessun altro avrebbe potuto fare meglio :smt023 , anche se avrei preferito che il file di dottorato in cui è spiegata questa tecnica fosse stato del Politecnico di Torino e non dell'Università di Napoli :-D

_________________
Nella vita c'e' chi puo' e chi non puo'....IO PUO'.....

Immagine Immagine


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: AIRRUS ULTRA XL 761MH
MessaggioInviato: mar set 13, 2011 6:13 pm 
Non connesso
Staff Seaspin e Operatore Professionale Pesca Sportiva
Avatar utente

Iscritto il: sab giu 11, 2005 11:47 pm
Messaggi: 3837
Località: carbonia
paolino ha scritto:
Una spiegazione che forse nessun altro avrebbe potuto fare meglio :smt023 , anche se avrei preferito che il file di dottorato in cui è spiegata questa tecnica fosse stato del Politecnico di Torino e non dell'Università di Napoli :-D


Napoli ha forse la tradizione più antica sui compositi in Italia, quando facevo io il dottorato sui compositi proprio Crivelli Visconti di quella Università era il guru in Italia, e il suo libro credo sia stato il primo serio sui compositi in lingua italiana

_________________
cosa non si fa per una botta...

________________
massimo sanna

consulente tecnico Utopiatackle
consulente tecnico Ambermax Fishing Tools
http://www.ambermaxfishing.com/

collaboratore delle riviste:
Il gommone
La pesca a mosca e spinning

ambermaxesse@gmail.com
cell. 3349356924


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: AIRRUS ULTRA XL 761MH
MessaggioInviato: mar set 13, 2011 6:18 pm 
Non connesso
Senior Member
Avatar utente

Iscritto il: dom ott 12, 2008 10:21 pm
Messaggi: 488
Località: Sicilia, ma emigrato a Torino
ambermax ha scritto:
paolino ha scritto:
Una spiegazione che forse nessun altro avrebbe potuto fare meglio :smt023 , anche se avrei preferito che il file di dottorato in cui è spiegata questa tecnica fosse stato del Politecnico di Torino e non dell'Università di Napoli :-D


Napoli ha forse la tradizione più antica sui compositi in Italia, quando facevo io il dottorato sui compositi proprio Crivelli Visconti di quella Università era il guru in Italia, e il suo libro credo sia stato il primo serio sui compositi in lingua italiana


Hai perfettamente ragione, il mio professore di tecnologia dei materiali lo ha citato mentre parlava dei compositi, anche se non li amava molti i compositi visto che non sono riciclabili quando in un auto il 98% della sua totalità lo deve essere :-D

_________________
Nella vita c'e' chi puo' e chi non puo'....IO PUO'.....

Immagine Immagine


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: lun ott 31, 2011 12:25 pm 
Non connesso
Operatore Professionale Pesca Sportiva
Avatar utente

Iscritto il: mar apr 04, 2006 3:30 pm
Messaggi: 1500
Località: Roma
Ciao Ambermax mi fa piacere tu sia intervenuto in questa discussione, in questo periodo ho continuato le prove ed i test della canna e finalmente sono incappato in un bel barracuda di 8kg che è riuscito a mettere alla prova tanto la canna quanto il sottoscritto.
Ho apprezzato molto il contesto in cui ho effettuato la cattura perchè come spesso mi capita mi ha visto protagonista in condizioni di mare e corrente molto impegnative ma soprattutto ero su uno spot quasi sconosciuto una parte di scogliera che avevo intravisto da lontano durante uno dei miei pellegrinaggi e che avevo ritenuto un ottimo spot.

Immagine

Come sai, pescare un bel pesce da uno spot che non conosci ha sempre quella difficolta intrinseca del non poter essere sicuro della posizione migliore....magari ti trovi a dover lanciare troppo alto o su uno scoglio scomodo o in prossimità di scogli affioranti.....diverso il discorso se peschi su punti conosciuti dove puoi raggiungere la preda e dove sei anche fisicamente al sicuro.
In questa condizione ho apprezzato molto la mia Ultra xl che devo dire ha ben assecondato la prima fuga del pesce verso il fondale accidentato di quello spot.....risolutore è stato però per ben due volte il backbone dell'attrezzo che mi ha permesso bloccando la frizione di frenare appunto la prima fuga(era arrivato troppo vicino hai primi scogli) e in un secondo tempo, quando avevo il pesce sotto i piedi sballottato dalle onde e il mio compagno ha lisciato la raffiata.
Il pesce ha effettuato un ultima fuga verso uno scoglio e anche li mi sono trovato a dover chiudere e affidarmi al nervo della canna riuscendo a girargli la testa e portarlo lontano dallo scoglio.
Oggi posso dire che le 25lbs nominali della canna si sentono tutte,,,non tanto nella pesca normale ma soprattutto quando deve toglierti dai guai.
Queste sono le mie ultime impressioni sulla canna, esclusivamente dal punto di vista pratico della pesca, per quanto riguarda invece i commenti tecnici ho letto il trattato che avevi postato e anche se non sono una cima ho capito che secondo me hai fatto un discorso troppo generico e che non si attaglia assolutamente al reale concetto di filament wound applicato ad una canna da pesca.

Come però è mia abitudine e come credo sia giusto mi tolgo di mezzo e continuo la parte che a me compete andando a pesca con la canna...nel frattempo ho girato i tuoi appunti al distributore (che credo vi abbia contattato per chiarire alcune cose) e che ha a sua volta corrispondenza diretta con tale Ken Whiting (7 best of show Icast per innovazione come miglior prodotto con diversi marchi, il primo con Lamiglas ).
Ti riporto in rosso le loro considerazioni ad alcune tue affermazioni (in nero) nella speranza come sempre di fornire una visione limpida e chiara a tutti gli utenti del forum:


.......ecco, l’enfasi con la quale si parla di filament winding mi pare porti a pensare che sia una tecnologia adatta ad ottenere prodotti di alta fascia e con caratteristiche non ottenibili con altre tecnologie
In realtà, il filament winding è una tecnologia comunissima e conosciuta da non meno di 40 anni, che viene scelta per produzioni di grande serie e per abbattere i costi; è adatta cioè a grandi numeri ed a prodotti di prezzo contenuto, non certo a prodotti di fascia alta, vedi ad esempio pag 18-19 …., ma per chi è curioso la lettura di tutto il paragrafo è istruttiva:

http://www.google.it/url?sa=t&source=we ... Dc1EGdIxlg

in realtà ,il filament winding è una tecnologia comunissima , ma il Patent Pending per l'uso su canne da pesca è di Airrus, quindi non è tanto comune. Mi posti una foto di una canna di altra marca conosciuta economica in filament winding ?

in realta', è vero, abbatte i costi se devi produrre materiale in carbonio in parti enormi ed omogenee per usi non inerenti alla pesca . Ottimo esempio, mazze da golf.
Potresti produrre in modo molto economico canne da pesca in filament winding senza ricevere un avvertimento dal legale della Airrus, ma in quel caso produrresti una canna inutilizzabile ai fini della pesca stessa.Infatti quando scrivi :


"fra gli svantaggi di questa tecnologia per la realizzazione di fusti per canne da pesca c’è quello dell’impossibilità tecnica di avvolgere fibre a 0° sul mandrino e soprattutto l’impossibilità di interrompere le fibre in corrispondenza di segmenti di fusto intermedi, che è invece il metodo usato con la tecnologia classica delle canne con fusto ad azione progressiva. Ecco perché per avere un manico rigido e una vetta con una azione decente, col filament winding, si è costretti a costruire la canna con due segmenti di spessore diverso"

parli come se la canna fosse costruita con due segmenti di filament winding ... il che produrrebbe un azione tutt'altro che decente, ma letteralmente improponibile.

Il gradino fra manico e vetta, se non dipende da un innesto di due pezzi, è sicuramente dovuto al fatto che il fusto è ottenuto in due fasi, la prima con avvolgimento assiale con cui si costruisce vetta e primo strato del manico, la seconda con avvolgimento elicoidale, al fine di rinforzare il manico

non stai parlando di una airrus,che probabilmente non hai mai visto da vicino, perche' ti saresti accorto , con la tua esperienza che Airrus utilizza graphite multimodulare nella vetta, tutt'altro che elicoidale e soprattuto non c'e' traccia in essa di filament winding.

Questo perché con l’avvolgimento solo assiale non si può avere una azione progressiva, mentre con l’avvolgimento solo elicoidale non si possono avere fibre orientate secondo l’asse della canna
Scusate la sintesi ma se si vuole possiamo approfondire.

se l'approfondimento si fa mettendo un link generico come questo, nonostante lo sforzo fatto, ci si allontana un pò dalla realtà della Airrus in oggetto.

Purtroppo questo metodo costruttivo crea un gradino, una discontinuità, che in una canna di alta fascia sarebbe inaccettabile, perché crea una concentrazione di sforzo che, per evitare rotture in quel punto, costringe a surdimensionare le sezioni della canna in quelle sezioni, provocando proprio quella sensazione di “insolitamente dura” che non è un pregio in assoluto, ma se troppo brusca può essere un divetto; infatti il pregio delle canne ad azione progressiva monopezzo è proprio quello di avere una azione ed una erogazione di potenza che variano con continuità e senza sbalzi dalla vetta al manico; è una azione che col filament winding non si può ottenere proprio per i limiti intrinseci della tecnologia.

Ottima considerazione ma non stai parlando di una Airrus. Non ci sono azioni insolitamente dure perche' il filament winding arriva solo al primo anello e per ogni vetta c'e' un solo ed un solo spessore di filament winding, tagliato con una certa angolazione, che ha una certa conicità, diametro iniziale e diametro finale . Per lo stesso motivo ad un solo ''segmento '' di filament winding corrisponde allo stesso modo una sola ed una sola vetta, con un certo tipo di spessore,elasticità e conicità iniziale e finale. Non si puo' abbinare una vetta di una canna da spinning da 5/8 oz con un pezzo di filament destinatouna canna da 3/4. Questo cosa comporta ? Che mentre per costruire una serie normale di 10 canne occorrono 10 mandrini , per costruire una serie di Airrus ,sempre di 10 canne ne occorrono 20 (30 se parliamo di canne tipo Airrus Puls R) . (10 per il mandrino della vetta multimodulare , 10 per il backbone in filament winding e 10 per il manico a megafono in filament winding ) . A quel punto poi ci sono tempi di manifattura che per una costruzione del genere sono superiori ( si tratta di tagliare con precisione molto piu' che millimetrica - altrimenti i pezzi non farebbero un corpo unico -, incollare e ''rifinire'' ) due parti diverse.
Tutto questo ha un costo.



Per fusti monopezzo progressivi, cavallo di battaglia delle varie seeker, calstar, Gloomis, Grafìphite USA, ecc…. la tecnologia della deposizione su un mandrino conico di strati triangolari e trapezoidali di preimpegnati è sempre la più indicata e, per ora, l’unica adatta a prodotti di eccellenza, anche se come svantaggi ha il costo di produzione elevato e l’impossibilità di fare grandissimi numeri, quelli che invece interessano alle grosse aziende che magari lavorano in paesi a manodopera a basso costo, dove è meglio che i processi costruttivi siano affidati alle macchine a controllo numerico, come nel caso del filament winding, piuttosto che alla manualità degli operatori.

Te la metto li come una battuta, ma se sei scettico sul filament winding e su Airrus ti faccio presente ( è una battuta ) che tale tecnologia nel nuovo top di gamma è stata sostituita da un' altra . Ma anche questa ha un patent pending sopra. Si ,vedendo la piega di quel vettino (non in carbonio pieno e non in fibra di vetro ) credo che abbandonero' anche io presto il filament winding per... il buckypaper (nome orribile ...ma ) :
http://www.youtube.com/watch?v=MC1LUMDII0Y

_________________
Sergio Molinari
Tester for CASTAIC, REACTION STRIKE, FALCON RODS, AIRRUS RODS,RIPTIDE.


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: lun ott 31, 2011 4:04 pm 
Non connesso
Staff Seaspin
Avatar utente

Iscritto il: lun giu 06, 2005 4:24 pm
Messaggi: 3321
Località: Sassari-Firenze
é interessante vedere che fra loro hanno qualcosa da dirsi, se fai in modo di far partecipare il tipo magari ne può nascere qualcosa di utile per capire queste tecnologie.
Il problema è che se lo scambio è di questo livello magari si può fare un po' fatica a seguirlo noi che non siamo così esperti in materia, però può essere istruttivo, mentre non lo è affatto quando si vedono usati i termini tecnici senza che siano supportati da reali competenze.

Per il resto posso dire che io di Airrus per ora ne ho una sola (una Comatrix da casting) e ne sono soddisfatto, hanno una notevole potenza: non mi stupisce che tu abbia tirato fuori quel barracudone enorme con una canna da 1-1/8 da 25lbs, secondo me canne di quella potenza possono affrontare ben altro :smt023

_________________
Alessandro Bacchetti
Staff Seaspin

Sono felice di aver potuto condividere un tratto del percorso della mia vita insieme ad un grande uomo come Lorenzo.
Grazie per sempre, amico mio.


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: sab nov 05, 2011 5:49 pm 
Non connesso
Staff Seaspin e Operatore Professionale Pesca Sportiva
Avatar utente

Iscritto il: sab giu 11, 2005 11:47 pm
Messaggi: 3837
Località: carbonia
Premetto nuovamente che il mio intervento non aveva l’obiettivo di dare delle valutazioni tecniche sulla canna in oggetto, canna che come ho detto non conosco, se non attraverso la descrizione iniziale di Swell

Il mio interesse e quindi l’obiettivo del mio intervento era ed è solamente quello di poter leggere su seaspin delle informazioni corrette e, quando si tratti di close up come in questo caso, oltre che corrette, anche tecnicamente rigorose, in tono con l’ultradecennale tradizione di seaspin.

Ecco perché mi spiace leggere una sottile vena di risentimento nella risposta al mio intervento che tramite Swell mi arriva da una terza persona; meglio sarebbe stato che Swell, visto che l’iscritto al forum è lui, in qualità di testimonial, fosse reso edotto sulle reali caratteristiche costruttive della canna e ce ne rendesse finalmente partecipi, questa volta in modo corretto, lui, direttamente. Visto che, le eventuali inapplicabilità della mie riflessioni alla canna in oggetto dipendono e sono dipese solo dai dubbi lasciati da Swell stesso, non solo in me a quanto pare.
Infatti:
Swell77 ha scritto:
Visto che ho ricevuto molte domande riguardo la struttura di questa canna, che a molti sembra divisa in due, mi permetto di dare una breve spiegazione tecnica del concetto costruttivo utilizzato da Airrus.

Da questa frase capisco che la canna non è realizzata mediante l’unione due pezzi, mentre dall’intervento chiarificatore finalmente esplicito capisco che il manico con il backbone è realizzato con una tecnologia (FW) mentre il restante segmento fino alla vetta, con un’altra; il fatto che questi due segmenti siano uniti non fa della canna una monopezzo nel senso strutturale del termine, ma solo dal punto di vista del fatto che i pezzi sono uniti saldamente e non si possono smontare; se sbaglio correggetemi; io ipotizzo sempre a causa delle vostre informazioni lacunose, la mia ignoranza sui particolari dipende dalla vostra carenza di informazioni; ecco perchè nel primo intervento mi sorprendo all’idea che airrus fosse stata capace di costruire una monopezzo in filament winding con azione così ripartita come descritto; il dubbio, legittimo, è risolto perché, semplicemente, non era così, adesso sappiamo con chiarezza che la canna è realizzata in due pezzi distinti non solo per materiali, ma anche per caratteristiche e per tecnologia.

Ecco che quindi almeno il mio scopo l’ho raggiunto, ottenendo finalmente una informazione corretta anche tecnicamente, arrivando a chiarire questo dubbio di non secondaria importanza sollevato da diversi lettori

Swell77 ha scritto:
Te la metto li come una battuta, ma se sei scettico sul filament winding e su Airrus ti faccio presente ( è una battuta ) che tale tecnologia nel nuovo top di gamma è stata sostituita da un' altra . Ma anche questa ha un patent pending sopra. Si ,vedendo la piega di quel vettino (non in carbonio pieno e non in fibra di vetro ) credo che abbandonero' anche io presto il filament winding per... il buckypaper (nome orribile ...ma ) :
http://www.youtube.com/watch?v=MC1LUMDII0Y

io scettico sul filament winding? Non so quanti anni abbia il mio interlocutore, ma mi pregio di conoscere tale tecnologia (e per conoscere intendo dal punto di vista ingegneristico e accademico, non semplicemente nominale) da almeno trent’anni. Ho semplicemente riportato nelle sue corrette proporzioni la pretesa di esclusiva su una tecnologia di dominio pubblico che in quanto tale non può essere oggetto di brevetto
Swell77 ha scritto:
Il brevetto prende il nome di Filament Winding.

Mentre resto curioso su quale aspetto della applicazione del filament winding al manico della airrus sia stato oggetto di brevetto, se ad esempio la sequenza dei layer di composito o il macchinario per produrre il manico o altro; è una curiosità che a questo punto è pure un debito di informazione verso seaspin.

Per il resto, con quet’ultima parte di intervento, lo state dicendo voi stessi che la soluzione tecnica consistente nel realizzare il manico in FW e la vetta in classico stratificato multi modulo, sia sicuramente adeguata all’ottenimento di una canna ad azione ripartita come quella descritta, ma che sia una soluzione suscettibile di miglioramento, come in effetti pare stiate facendo col nuovo prodotto.

Il fatto è che, se invece di proporre un close up con definizioni ad effetto aveste effettivamente descritto il prodotto onestamente nelle sue caratteristiche effettive, come abitudine e necessità su seaspin, avreste magari ricevuto il mio plauso, almeno per quanto riguarda le scelte progettuali, visto che sulla qualità del prodotto, non conoscendolo, non mi posso esprimere. Ecco perché non posso essere né scettico né credente rispetto alle arrius, non le conosco, mentre, se permettete, posso esprimere il mio parere sul criterio progettuale per come mi viene da voi esposto, e che nella fattispecie, considero adeguato allo scopo, anche se è chiaro che si tratta comunque di una scorciatoia progettuale, per quanto sofisticata, rispetto alle soluzioni multi modulo monopezzo.

_________________
cosa non si fa per una botta...

________________
massimo sanna

consulente tecnico Utopiatackle
consulente tecnico Ambermax Fishing Tools
http://www.ambermaxfishing.com/

collaboratore delle riviste:
Il gommone
La pesca a mosca e spinning

ambermaxesse@gmail.com
cell. 3349356924


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: dom nov 06, 2011 5:37 pm 
Non connesso
Operatore Professionale Pesca Sportiva
Avatar utente

Iscritto il: mar apr 04, 2006 3:30 pm
Messaggi: 1500
Località: Roma
Ambermax da parte mia non c'è nessun risentimento e neanche da parte di chi ti ha risposto.
Le correzioni ad alcuni tuoi appunti sono state fatte da Ken Whiting che di anni ne ha parecchi e soprattutto ne ha passati tanti a progettare canne da pesca.
Queste canne molte volte gli hanno permesso di vincere premi riconosciuti a livello mondiale.....io non sono stato in grado di spiegarmi bene ma ho scritto in maniera semplice e ti assicuro che chi voleva capire ha capito, ha preso la canna l'ha provata e le impressioni erano conformi alle mie descrizioni.
Comunque proprio perchè non è il mio compito ti ho fatto rispondere da una persona che realmente sa di progettazione e non credo che da parte sua ci sono vene di sarcasmo anzi è stato felice di rispondere e spiegarvi come nasce una Airrus.

Una cosa che invece non capisci è che Airrus non ha inventato il filament winding ma ha brevettato il suo utilizzo per la costruzione di canne da pesca.
Se avessi impugnato una Airrus ti saresti accorto che non è certo un attrezzo sviluppato con produzioni "di grande serie" e capiresti perche' siamo fieri di far pescare la gente con una Ultra Xl e di farla pagare un prezzo onesto e anche piu' basso di quello che costa in America.

Anche noi siamo molto contenti di aver dato alle persone una visione realistica su quello che sono le tecnologie costruttive Airrus, lo abbiamo fatto grazie alle parole di Ken Whiting e se ho scritto io è solo per motivi di praticità.
Nulla toglie che se un giorno permetterete al distributore e responsabile per l'Italia di Accedere al Forum......le risposte vi potranno arrivare direttamente da lui in modo da evitare questa catena.
Noi siamo organizzati in modo che ognuno ha il suo compito io pesco, loro fanno le canne...se hai bisogno di concetti tecnici così approfonditi passerò come sempre le domande a chi ha le competenze per risponderti....per la pesca pratica penso di potermela cavare anche da solo :wink:

Ti rinnovo l'invito a porci le tue domande senza timore sicuro che risponderemo volentieri e nel minor tempo possibile.
Ciao Sergio :smt023

_________________
Sergio Molinari
Tester for CASTAIC, REACTION STRIKE, FALCON RODS, AIRRUS RODS,RIPTIDE.


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: dom nov 06, 2011 7:10 pm 
Non connesso
Staff Seaspin e Operatore Professionale Pesca Sportiva
Avatar utente

Iscritto il: sab giu 11, 2005 11:47 pm
Messaggi: 3837
Località: carbonia
Swell77 ha scritto:
Le correzioni ad alcuni tuoi appunti sono state fatte da Ken Whiting che di anni ne ha parecchi e soprattutto ne ha passati tanti a progettare canne da pesca.


i forum sono luoghi pubblici per cui le parole hanno un peso

correzione è un termine che si addice a qualcosa di sbagliato

orbene io ho espresso alcuni concetti che in generale non sono, cari Sergio e Ken, sbagliati, semmai non si applicano appieno alle airrus solo perché su queste avevi dato informazioni devianti, come ad esempio il fatto che la punta non è in FW come avevi fatto capire tu dicendo che la canna non era in due pezzi; ma lasciamo stare la questione semantica

Swell77 ha scritto:
Comunque proprio perchè non è il mio compito ti ho fatto rispondere da una persona che realmente sa di progettazione e non credo che da parte sua ci sono vene di sarcasmo anzi è stato felice di rispondere e spiegarvi come nasce una Airrus.


un close up richiede, come dicevo, e il mio intervento qui nasce da questa esigenza, un certo rigore tecnico e non deve avere contenuto meramente pubblicitario; io di sarcasmo non ne ho letto, di inesattezze tue si, di enfasi pure; ben venga Ken ad informare, lo scopo del forum è quello

Swell77 ha scritto:
Una cosa che invece non capisci è che Airrus non ha inventato il filament winding ma ha brevettato il suo utilizzo per la costruzione di canne da pesca.


guarda che la storia che il FW era un brevetto airrus l’hai inventata tu, io non lo penserei mai perchè sarebbe impossibile, come non è possibile neanche quanto riporti in questa seconda affermazione, posta nei termini in cui la poni tu; mi dispiace, ma una tecnologia di dominio pubblico non è brevettabile; il patent pending riguarderà al massimo la sezione dello stratificato o una particolare innovazione del processo… per chiarire la cosa è molto facile, dacci il n° di registrazione del brevetto, andiamo tutti su esp@cenet e ce lo leggiamo, così “capiamo” meglio


Swell77 ha scritto:
Anche noi siamo molto contenti di aver dato alle persone una visione realistica su quello che sono le tecnologie costruttive Airrus, lo abbiamo fatto grazie alle parole di Ken Whiting e se ho scritto io è solo per motivi di praticità.
Nulla toglie che se un giorno permetterete al distributore e responsabile per l'Italia di Accedere al Forum......le risposte vi potranno arrivare direttamente da lui in modo da evitare questa catena.


a, siete molto contenti? Peccato che senza il mio intervento ancora penseremmo di avere a che fare con una canna di fascia inarrivabile, con struttura monopezzo e costruita con tecnologie segrete; questa volta scusa il mio di sarcasmo, ma la visione realistica si sta delineando solo ora; per il resto non credo che sia vietato ad un distributore di iscriversi su seaspin e di dare tutte le informazioni corrette che vuole, ma corrette


Swell77 ha scritto:
Ti rinnovo l'invito a porci le tue domande senza timore sicuro che risponderemo volentieri e nel minor tempo possibile.
Ciao Sergio :smt023


E chi teme, io temo solo la disinformazione

Una curiosità l’ho già espressa, verso l’oggetto del famigerato brevetto, non per me che poco mi interessa in questo momento, ma per chiudere una lacuna di informazione sul forum

Poi non ho altre domande, io ho capito tutto, stai tranquillo, mi premeva si capisse anche sul forum

_________________
cosa non si fa per una botta...

________________
massimo sanna

consulente tecnico Utopiatackle
consulente tecnico Ambermax Fishing Tools
http://www.ambermaxfishing.com/

collaboratore delle riviste:
Il gommone
La pesca a mosca e spinning

ambermaxesse@gmail.com
cell. 3349356924


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: dom nov 06, 2011 7:15 pm 
Non connesso
Senior Member
Avatar utente

Iscritto il: dom gen 17, 2010 10:10 pm
Messaggi: 555
Località: Maruggio
sono d'accordo con swell...è chiaro che lui non può essere a conoscenza delle spiegazioni scientifiche della tecnica di costruzione applicata alle canne in oggetto e che deve passare la parola ad altri...io lo ringrazio anche per questo.
Per quanto riguarda la canna in questione posso dire, da possessore del modello 701MH, che ha un ottimo rapporto qualità prezzo, superiore a tante monopezzo qui citate che, anche se vengono costruite su un unico mandrino, hanno un costo elevato rispetto al loro fine.
Infine leggendo le pagine 18 e 19 della tesi riportata non mi sembra che i costi del FW siano inferiori... infatti tra gli svantaggi abbiamo: si ha bisogno del mandrino che può essere complesso e costoso...ed altro.
Inoltre non mi sembra affatto che le airrus citate siano canne in 2 pezzi...non c'è l'innesto :-D
Comunque grazie a tutti per questo 3D :smt038 :smt038

_________________
Danilo


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: dom nov 06, 2011 7:52 pm 
Non connesso
Staff Seaspin e Operatore Professionale Pesca Sportiva
Avatar utente

Iscritto il: sab giu 11, 2005 11:47 pm
Messaggi: 3837
Località: carbonia
se uno non è al corrente si astiene, piuttosto che dare informazioni errate

se io incollo o comunque saldo o comunque unisco indissolubilmente due pezzi la canna è in due pezzi, non monopezzo, per come la si intende comunemente, semplicemente non sarà smontabile e sicuramente non si avranno gli svantaggi di una canna smontabile; tanti incollano la loro due pezzi per questo motivo

l'ottimo rapporto qualità prezzo deriva proprio da questa scorciatoia strutturale e progettuale, utile ad ottenere una canna ad azione ripartita utilizzando il metodo dei due segmenti con struttura e tecnologia diversi

non so a quali fusti monopezzo qui citati con rapporto qualità prezzo inferiore, ti riferisci, ma in generale questo è un fatto che può capitare, dipende molto più dai numeri venduti che non dalla tecnologia, ma a parità di capacità costruttive e progettuali del fabbricante, ovviamente una struttura ripartita monopezzo è sicuramente di qualità superiore, come del resto dichiara il nostro Ken presentando la nuova tecnologia che sostituirà il FW parziale....

_________________
cosa non si fa per una botta...

________________
massimo sanna

consulente tecnico Utopiatackle
consulente tecnico Ambermax Fishing Tools
http://www.ambermaxfishing.com/

collaboratore delle riviste:
Il gommone
La pesca a mosca e spinning

ambermaxesse@gmail.com
cell. 3349356924


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: dom nov 06, 2011 8:30 pm 
Non connesso
Senior Member
Avatar utente

Iscritto il: dom gen 17, 2010 10:10 pm
Messaggi: 555
Località: Maruggio
Personalmente ritengo che le canne 2 pezzi siano più vantaggiose dal punto di vista dell'azione "ripartita" che una monopezzo come la si intende non dà. Credo che una buona canna da spinning o di una qualsiasi altra tecnica (vedi surfcasting da me praticato da più anni rispetto allo spinning) che richiede potenza e precisione nel lancio e capacità di gestire grosse prede, deve obbligatoriamente avere l'azione diversa nelle diverse sezioni, cosa che una monopezzo non può garantire a causa dell' unico metodo costruttivo adottato. L'unico vantaggio è la progressività della risposta del fusto.
Gli svantaggi delle 2 pezzi (solo da spinning) sono le possibilità di rotazione con conseguente non allineamento dei fusti durante la pescata o, nella peggiore delle ipotesi, il totale distacco :( .
Allora perchè non attaccare i 2 pezzi mantenendone tutti i vantaggi ed eliminando gli svantaggi?
Poi le Airrus sono leggere e sensibili...cosa si vuole di più :?:
Io non ho tante competenze tecnico scientifiche in questo campo, ma credo che questo discorso fili tranquillamente :grin:

_________________
Danilo


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: dom nov 06, 2011 8:45 pm 
Non connesso
Senior Member
Avatar utente

Iscritto il: mer ott 12, 2005 7:49 am
Messaggi: 6176
Località: Grosseto
Vieni dal surfcasting, appunto :-D Nello spinning (specialmente in fresh o in finesse), i pregi delle monopezzo sono indiscutibili.
Sennò si potrebbe pensare che, a cominciare da GLoomis e finire per tutti i progettisti americani e non solo che vanno per la maggiore, siano tutti strulli. :smt005
Infatti, finalmente ci stanno spiegando che Airrus riesce a dare, ad un prezzo concorrenziale, l'azione ripartita tipica delle multipezzo in un attrezzo (sostanzialmente) monopezzo.
Se non gli interessasse questo, farebbe la canna in due pezzi...no?


Swell77 ha scritto:
Noi siamo organizzati in modo che ognuno ha il suo compito io pesco, loro fanno le canne...se hai bisogno di concetti tecnici così approfonditi passerò come sempre le domande a chi ha le competenze per risponderti


Appunto, perchè confondere i ruoli e rischiare di non dare informazioni precise?

Sergio, te pesca che a quanto sembra ti viene pure bene, e intercedi per far iscrivere in Seaspin chi può (e vuole) darci queste interessanti informazioni.

Questo andrà a vantaggio della tua ditta (dico tua perchè ne parli in prima persona plurale) e mi permetto di dire il perchè:
quando viene presentato un prodotto e se ne descrive le doti con termini perlopiù incomprensibili a chi legge (e anche a chi scrive) o con termini appositamente creati e protetti da copyright delle ditte (penso alla sequela di termini descrittivi delle tecnologie dei mulinelli), sembra di essere trattati come bimbi scemi a cui basta citare tre paroloni per fare effetto.
Questo porta i più furbi a diffidare.

Se invece si dice semplicemente che la canna è costruita con un procedimento esclusivo Airrus che permette di avere un'azione ripartita e una grande potenza in basso ad un costo molto concorrenziale, cosa ottenibile in una monopezzo classica solo con grossi costi (grazie a chi ce l'ha spiegato), si permette a chi ascolta, di capire la genialità del progettista e di poter apprezzare l'attrezzo descritto per le sue effettive qualità indipendentemente dal prezzo concorrenziale che potrebbe trarre in inganno e sminuire il prodotto.

Alla fine si è (finalmente :cool: ) capito che l'attrezzo costa una cifra accettabile non perchè è di basso valore, ma perchè grazie alla genialità di un progettista si riesce ad ottenere prestazioni altrimenti ben più costose.
(Che poi chi se lo possa permettere probabilmente opterà per una monopezzo vera che abbia l'azione richiesta.....è un'altro discorso.)

Forse è per questo che l'azienda Airrus ha vinto dei premi nei più importanti saloni. :wink:

_________________
Enzo
"Rispettare un aumento delle misure minime del pescato, praticare il Catch & Release e limitarci a trattenere solo alcuni capi rappresentativi deve diventare un'obbligo morale di ciascun pescatore sportivo"..........Staff Seaspin


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: dom nov 06, 2011 9:22 pm 
Non connesso
Senior Member
Avatar utente

Iscritto il: dom gen 17, 2010 10:10 pm
Messaggi: 555
Località: Maruggio
Tempesta ha scritto:
Vieni dal surfcasting, appunto :-D Nello spinning (specialmente in fresh o in finesse), i pregi delle monopezzo sono indiscutibili.
Sennò si potrebbe pensare che, a cominciare da GLoomis e finire per tutti i progettisti americani e non solo che vanno per la maggiore, siano tutti strulli. :smt005
Infatti, finalmente ci stanno spiegando che Airrus riesce a dare, ad un prezzo concorrenziale, l'azione ripartita tipica delle multipezzo in un attrezzo (sostanzialmente) monopezzo.
Se non gli interessasse questo, farebbe la canna in due pezzi...no?


Non conosco il fresh e il finesse, ma per tutto il resto non servono assolutamente le monopezzo...è solo una trovata commerciale...la monopezzo, per quanto bene possa essere progettata, da' solo progressività al fusto. Nella frase evidenziata in rosso ammetti anche tu i vantaggi delle multipezzo :cool:
Vieni dal surf casting appunto non vuol dire niente...le 2 pezzi da surf sono attrezzi con caratteristiche tecniche e costruttive di gran lunga superiori alle 2 pezzi da spinning, per la molteplice tipologia di azione che riguarda le tre sezioni (manico, arco, cima)...non è sempre facile scagliare i 200gr + esca con diverse tecniche di lancio.



Tempesta ha scritto:
Alla fine si è (finalmente :cool: ) capito che l'attrezzo costa una cifra accettabile non perchè è di basso valore, ma perchè grazie alla genialità di un progettista si riesce ad ottenere prestazioni altrimenti ben più costose.
(Che poi chi se lo possa permettere probabilmente opterà per una monopezzo vera che abbia l'azione richiesta.....è un'altro discorso.)

Forse è per questo che l'azienda Airrus ha vinto dei premi nei più importanti saloni. :wink:


Ecco la mia considerazione riguardo il rapporto qualità/prezzo che non hanno le altre canne :grin:

_________________
Danilo


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: dom nov 06, 2011 9:33 pm 
Non connesso
Staff Seaspin e Operatore Professionale Pesca Sportiva
Avatar utente

Iscritto il: sab giu 11, 2005 11:47 pm
Messaggi: 3837
Località: carbonia
primusuck ha scritto:
Personalmente ritengo che le canne 2 pezzi siano più vantaggiose dal punto di vista dell'azione "ripartita" che una monopezzo come la si intende non dà. Credo che una buona canna da spinning o di una qualsiasi altra tecnica (vedi surfcasting da me praticato da più anni rispetto allo spinning) che richiede potenza e precisione nel lancio e capacità di gestire grosse prede, deve obbligatoriamente avere l'azione diversa nelle diverse sezioni, cosa che una monopezzo non può garantire a causa dell' unico metodo costruttivo adottato. L'unico vantaggio è la progressività della risposta del fusto.
Gli svantaggi delle 2 pezzi (solo da spinning) sono le possibilità di rotazione con conseguente non allineamento dei fusti durante la pescata o, nella peggiore delle ipotesi, il totale distacco :( .
Allora perchè non attaccare i 2 pezzi mantenendone tutti i vantaggi ed eliminando gli svantaggi?
Poi le Airrus sono leggere e sensibili...cosa si vuole di più :?:
Io non ho tante competenze tecnico scientifiche in questo campo, ma credo che questo discorso fili tranquillamente :grin:


boh, io mi diletto di progettazione di canne e riesco a ripartire in una monopezzo 1,40 metri tre differenti azioni in modo fra l'altro molto progressivo, certo sono strutture da 2 canne al mese non da 2'000, richiedono manodopera più che specializzata, direi attenta a appassionata, non le posso far fare in Cina

quando arrivo a 6' o addirittura a 7' le cose diventano pure facili; d'altronde ti vorrei vedere con una monopezzo da surfacasting.... per portarla al mare ci vuole il cartello carichi sporgenti come per i vecchi alberi da winsurf monopezzo!

ripartire l'azione in una canna in due pezzi è solo più semplice ed economico, vai tranquillo, certi miei esperimenti in tal senso sulle canne da VJ sono stati "ripresi" da una nota ditta che riesce a produrre delle canne da VJ a molto meno di 100 euro che alla fine hanno una azione, se non gli si chiedono prestazioni troppo serie, decente e come capita a volte meglio di certe canne più costose ma progettate male...

_________________
cosa non si fa per una botta...

________________
massimo sanna

consulente tecnico Utopiatackle
consulente tecnico Ambermax Fishing Tools
http://www.ambermaxfishing.com/

collaboratore delle riviste:
Il gommone
La pesca a mosca e spinning

ambermaxesse@gmail.com
cell. 3349356924


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: dom nov 06, 2011 9:53 pm 
Non connesso
Senior Member
Avatar utente

Iscritto il: dom gen 17, 2010 10:10 pm
Messaggi: 555
Località: Maruggio
infatti, realizzare una monopezzo da surf casting sarebbe molto dispendioso oltre che inutile :wink:
Realizzare 2 canne al mese non interessa a nessuno ecco perchè credo che tutte le monopezzo presenti sul mercato hanno come unico vantaggio la progressività.

Poi, secondo il mio modestissimo parere, Airrus è riuscita benissimo nel suo intento; ha prodotto attrezzi validi a prezzi non esorbitanti ed è riuscita a venderli...ora dicono che si stanno migliorando...vedremo :smt038

_________________
Danilo


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: dom nov 06, 2011 10:41 pm 
Non connesso
Staff Seaspin
Avatar utente

Iscritto il: sab giu 04, 2005 9:28 am
Messaggi: 3256
Località: rosignano solvay livorno
primusuck ha scritto:
infatti, realizzare una monopezzo da surf casting sarebbe molto dispendioso oltre che inutile :wink:

senti io facevo surfcasting vero..quello col pendolo e ground e in pedana a provare centinaia di lanci al giorno.
la ripartizione della canna è l'azione che possiede una qualunque canna da surf in due pz e fino a qui ci siamo..ma io le due pz purtroppo ne ho spezzate diverse di marche ben blasonate come veret e italcanna soprattutto sul punto di maggiore sforzo ovvero l'innesto..
togliere l'innesto consentirebbe avere un attrezzo molto piu prestazionale sopratttto in fase di carica rotativa sul pendolo dove il cambio di direzione sollecità maggiormente il punto di unione..
purtroppo non è realizzabile perchè canne da 3,80mt sono difficili da trasportare..
le monopezzo da spinning sono altrettanto ripartite..infatti la labrax ..per dire una che conosciamo tutti ha un cimino leggermente cedevole..segue il medio che arrotonda un pelo l'azione e uniforma l'azione insieme al cimino e sotto ha il corpo duro che consente di avere forza col pesce in canna e irrigidisce la curva.
primusuck ha scritto:
Realizzare 2 canne al mese non interessa a nessuno ecco perchè credo che tutte le monopezzo presenti sul mercato hanno come unico vantaggio la progressività.

a max interessa dato che il punto di forza delle canne di max è il fatto di curare personalmente ogni sua canna ..cosa non da poco..cosa che rende unica ogni sua canna .per il discorso della progressività invecela prgressività di curva ok di azione non penso proprio,
[/quote]

_________________
alessandro Bagnoli
staff Seaspin


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: dom nov 06, 2011 11:31 pm 
Non connesso
Staff Seaspin e Operatore Professionale Pesca Sportiva
Avatar utente

Iscritto il: sab giu 11, 2005 11:47 pm
Messaggi: 3837
Località: carbonia
primusuck ha scritto:

... credo che tutte le monopezzo presenti sul mercato hanno come unico vantaggio la progressività.

...



se ti va apri un 3d apposta, poi vediamo se l'unico vantaggio, se poi fosse poco. è quello

volgiamo iniziare a fare prove di rottura statica a parità di potenza?

o vogliamo fare prove di fatica, che poi è la vera sollecitazione che interessa la canna da pesca con gli artificiali manovrati

_________________
cosa non si fa per una botta...

________________
massimo sanna

consulente tecnico Utopiatackle
consulente tecnico Ambermax Fishing Tools
http://www.ambermaxfishing.com/

collaboratore delle riviste:
Il gommone
La pesca a mosca e spinning

ambermaxesse@gmail.com
cell. 3349356924


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: dom nov 06, 2011 11:32 pm 
Non connesso
Senior Member
Avatar utente

Iscritto il: dom gen 17, 2010 10:10 pm
Messaggi: 555
Località: Maruggio
:grin: Avresti potuto usare altre canne meno blasonate, ma più adatte all' uso, anche se non credo che tu abbia mai spezzato una oltremare dell' italcanna :lol: :lol: a meno che non sia stato un caso...
Le canne da surf oggi arrivano anche a 4.30mt.

Cita:
a max interessa dato che il punto di forza delle canne di max è il fatto di curare personalmente ogni sua canna ..cosa non da poco..cosa che rende unica ogni sua canna .per il discorso della progressività invecela prgressività di curva ok di azione non penso proprio


Mi riferivo ad aziende che sono sul mercato per vendere le canne in un numero più alto possibile nella giornata :wink:

_________________
Danilo


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: dom nov 06, 2011 11:33 pm 
Non connesso
Senior Member
Avatar utente

Iscritto il: dom gen 17, 2010 10:10 pm
Messaggi: 555
Località: Maruggio
ambermax ha scritto:
primusuck ha scritto:

... credo che tutte le monopezzo presenti sul mercato hanno come unico vantaggio la progressività.

...



se ti va apri un 3d apposta, poi vediamo se l'unico vantaggio, se poi fosse poco. è quello

volgiamo iniziare a fare prove di rottura statica a parità di potenza?

o vogliamo fare prove di fatica, che poi è la vera sollecitazione che interessa la canna da pesca con gli artificiali manovrati


Ma questo è un discorso fine a se stesso...posso usare una 2 pezzi da 4oz ed avere lo stesso risultato di una mono da 2 1/2... :-D

_________________
Danilo


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: lun nov 07, 2011 12:07 am 
Non connesso
Staff Seaspin e Operatore Professionale Pesca Sportiva
Avatar utente

Iscritto il: sab giu 11, 2005 11:47 pm
Messaggi: 3837
Località: carbonia
adesso non ti seguo più

va bene essere originali al punto da sostenere che le canne in due pezzi sono meglio, che le monopezzo non possono essere ripartite e che l'unico vantaggio delle monopezzo sarebbe la progressività... sono affermazioni talmente prive di credibilità che non mi affanno nanche ad avvertire i lettori di sespin su questo fatto

ma adesso, che prove comparative siano un fatto fine a se stesso è un commento che non capisco dove voglia arrivare; mi occupo di ricerca e sviluppo di manufatti in composito da 25 anni, e buona parte della ricerca prevede proprio prove comparative, ovviamente fra manufatti o provini di pari caratteristiche

se volgiamo parlare di fatti e di numeri; se invece ci interessano gli aggettivi qualificativi o, come dice Tempesta, ci facciamo impressionare dai termini roboanti, non è seaspin il posto giusto per utilizzarli, specie nel descrivere un attrezzo in un close up

_________________
cosa non si fa per una botta...

________________
massimo sanna

consulente tecnico Utopiatackle
consulente tecnico Ambermax Fishing Tools
http://www.ambermaxfishing.com/

collaboratore delle riviste:
Il gommone
La pesca a mosca e spinning

ambermaxesse@gmail.com
cell. 3349356924


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: lun nov 07, 2011 9:04 am 
Non connesso
Senior Member
Avatar utente

Iscritto il: lun giu 21, 2010 9:10 pm
Messaggi: 809
Località: Salento
E no eh! Dopo aver passato ore e ore sul forum a decidere quale scegliere come prima seria canna da spinning, scelta caduta poi sulla livebait, se ve ne uscite che le 2 pezzi sono meglio delle monopezzo mi fà leggermente incazzare. :smt067 Allora non ci ho capito un ca**o! :smt021 Mi tocchera venderla sul mercatino! :smt089
Per fortuna non ho venduto la Aqualite! :smt098

_________________
Stecappai ha scritto:
Fare spinning in lunghe spiagge deserte è una fortuna per pochi…e ancor meno sono quelli che riescono a “leggerle” e “capirle” sino in fondo, riuscendo a finalizzare l’uscita con la cattura della preda; Ma sono convinto pienamente, che se ci sforzassimo di descrivere la nostra disciplina ad una persona che non sa cosa sia il mare e la pesca…..l’immagine che cercheremo di dipingere con le nostre parole, sia quella dello spinning in scogliera…..dove solo dopo aver chiuso gli occhi e respirato quei profumi, studiato e goduto quei rumori, ammirato in silenzio quei colori…solo dopo, prendi atto che sei li per lanciare….e che questo è solo una piccolissima parte di quello che rappresenta un uscita con la canna in mano, immersi nella natura.

Alessandro


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: lun nov 07, 2011 11:32 am 
Non connesso
Staff Seaspin e Operatore Professionale Pesca Sportiva
Avatar utente

Iscritto il: sab giu 11, 2005 11:47 pm
Messaggi: 3837
Località: carbonia
:-D

_________________
cosa non si fa per una botta...

________________
massimo sanna

consulente tecnico Utopiatackle
consulente tecnico Ambermax Fishing Tools
http://www.ambermaxfishing.com/

collaboratore delle riviste:
Il gommone
La pesca a mosca e spinning

ambermaxesse@gmail.com
cell. 3349356924


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: lun nov 07, 2011 12:23 pm 
Non connesso
Operatore Professionale Pesca Sportiva
Avatar utente

Iscritto il: mar apr 04, 2006 3:30 pm
Messaggi: 1500
Località: Roma
ambermax ha scritto:
Swell77 ha scritto:
Le correzioni ad alcuni tuoi appunti sono state fatte da Ken Whiting che di anni ne ha parecchi e soprattutto ne ha passati tanti a progettare canne da pesca.


i forum sono luoghi pubblici per cui le parole hanno un peso

correzione è un termine che si addice a qualcosa di sbagliato

orbene io ho espresso alcuni concetti che in generale non sono, cari Sergio e Ken, sbagliati, semmai non si applicano appieno alle airrus solo perché su queste avevi dato informazioni devianti, come ad esempio il fatto che la punta non è in FW come avevi fatto capire tu dicendo che la canna non era in due pezzi; ma lasciamo stare la questione semantica

Ambermax mi dispiace tu la stia prendendo male...hai fatto delle considerazioni e ti è stato dimostrato che erano sbagliate, io personalmente posso non essere stato chiaro perche' non sono un tecnico ma non ho mai detto che la vetta è in Filament Winding vai a rileggere il post iniziale dove dico chiaramente che solo il pedone fino al primo anello viene sviluppato in quel modo.
Comunque proprio perchè sono una persona corretta ed educata ho preferito farti rispondere da un tuo pari sia per età che per conoscienze tecniche.....ora dopo che una persona che è conosciuta in tutto il mondo ti ha spiegato come viene sviluppata una Airrus continui a dire che sono canne in due pezzi....mi sembra chiaro che non vuoi assolutamente capire la realta'.


Swell77 ha scritto:
Comunque proprio perchè non è il mio compito ti ho fatto rispondere da una persona che realmente sa di progettazione e non credo che da parte sua ci sono vene di sarcasmo anzi è stato felice di rispondere e spiegarvi come nasce una Airrus.


un close up richiede, come dicevo, e il mio intervento qui nasce da questa esigenza, un certo rigore tecnico e non deve avere contenuto meramente pubblicitario; io di sarcasmo non ne ho letto, di inesattezze tue si, di enfasi pure; ben venga Ken ad informare, lo scopo del forum è quello

Ripeto come sempre per trasparenza mi sono fatto tramite tra il forum e chi progetta i materiali che poi utilizzo proprio per avere maggiore chiarezza, questo perchè come ho ammesso non sono in grado di darti informazioni così tecniche....il risultato vedo che è stato quello di avermi piu' volte velatamente dato dell'incompetente....ti ringrazio un giorno forse ci incontreremo in pesca e mi racconterai dei pesci che hai preso a spinning senza usare un ecoscandaglio :wink:

Swell77 ha scritto:
Una cosa che invece non capisci è che Airrus non ha inventato il filament winding ma ha brevettato il suo utilizzo per la costruzione di canne da pesca.


guarda che la storia che il FW era un brevetto airrus l’hai inventata tu, io non lo penserei mai perchè sarebbe impossibile, come non è possibile neanche quanto riporti in questa seconda affermazione, posta nei termini in cui la poni tu; mi dispiace, ma una tecnologia di dominio pubblico non è brevettabile; il patent pending riguarderà al massimo la sezione dello stratificato o una particolare innovazione del processo… per chiarire la cosa è molto facile, dacci il n° di registrazione del brevetto, andiamo tutti su esp@cenet e ce lo leggiamo, così “capiamo” meglio

Se hai voglia di girare le parole per aver ragione fai pure mi sembra molto chiaro quello che ho scritto.....quello ad essere stato brevettato è il processo su canne da pesca.


Swell77 ha scritto:
Anche noi siamo molto contenti di aver dato alle persone una visione realistica su quello che sono le tecnologie costruttive Airrus, lo abbiamo fatto grazie alle parole di Ken Whiting e se ho scritto io è solo per motivi di praticità.
Nulla toglie che se un giorno permetterete al distributore e responsabile per l'Italia di Accedere al Forum......le risposte vi potranno arrivare direttamente da lui in modo da evitare questa catena.


a, siete molto contenti? Peccato che senza il mio intervento ancora penseremmo di avere a che fare con una canna di fascia inarrivabile, con struttura monopezzo e costruita con tecnologie segrete; questa volta scusa il mio di sarcasmo, ma la visione realistica si sta delineando solo ora; per il resto non credo che sia vietato ad un distributore di iscriversi su seaspin e di dare tutte le informazioni corrette che vuole, ma corrette

Guarda credo che chiunque capirebbe che le Airrus non sono canne inarrivabili anche se molte volte all'Icast sono state ritenute tali e ripeto all' Icast non alla fiera di Bologna.....La realtà e che sono ottime canne che ti vengono vendute a 139 euro, prezzo tra l'altro inferiore al mercato americano.
Ci vuole un bel coraggio a chiedere 400 euro per una canna, ma soprattutto le aspettative poi devono essere ripagate.
Io nel mio piccolo ho consigliato questo attrezzo a parecchi ragazzi e ne sono rimasti soddisfatti, personalmente lo sto sfruttando tanto e le mie impressioni restano le stesse che ho riportato nel post iniziale, tutte le problematiche di cui parlavi come interruzioni di azione, possibilità di rotture nel punto di sforzo o altre cose del genere non si sono verificate e io i pesci li prendo dalla riva con mare bello mosso dove le canne vengono messe a dura prova nel pieno della tradizione chiamata pesca a spinnning.


Swell77 ha scritto:
Ti rinnovo l'invito a porci le tue domande senza timore sicuro che risponderemo volentieri e nel minor tempo possibile.
Ciao Sergio :smt023


E chi teme, io temo solo la disinformazione

Una curiosità l’ho già espressa, verso l’oggetto del famigerato brevetto, non per me che poco mi interessa in questo momento, ma per chiudere una lacuna di informazione sul forum

Poi non ho altre domande, io ho capito tutto, stai tranquillo, mi premeva si capisse anche sul forum


Ora penso che il forum abbia capito molto bene
Ciao Sergio

_________________
Sergio Molinari
Tester for CASTAIC, REACTION STRIKE, FALCON RODS, AIRRUS RODS,RIPTIDE.


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: lun nov 07, 2011 1:05 pm 
Non connesso
Amministratore e Operatore Professionale Pesca Sportiva
Avatar utente

Iscritto il: sab mag 28, 2005 3:52 pm
Messaggi: 9217
Località: Cagliari
Swell77 ha scritto:
...Nulla toglie che se un giorno permetterete al distributore e responsabile per l'Italia di Accedere al Forum......le risposte vi potranno arrivare direttamente da lui in modo da evitare questa catena.
Ciao Sergio :smt023


Nessuno ha mai impedito a Dotto o chi per lui di accedere al forum. E' chiaro che il regolamento esiste anche per lui come per tutti, se si attiene alle regole é assolutamente benvenuto

_________________
Massimo Della Salda
Staff Seaspin


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: lun nov 07, 2011 1:31 pm 
Non connesso
Operatore Professionale Pesca Sportiva
Avatar utente

Iscritto il: mar apr 04, 2006 3:30 pm
Messaggi: 1500
Località: Roma
Sono felice di sentirlo Massimo, sono sicuro ne sarà contento anche lui, inoltre penso che per i tuoi tecnici sarà molto piu' utile discutere con lui che con il sottoscritto :smt023.....io continuerò felicemente a calpestare scogli bagnati e scivolosi senza il minimo problema. :wink:
Ciao Sergio

_________________
Sergio Molinari
Tester for CASTAIC, REACTION STRIKE, FALCON RODS, AIRRUS RODS,RIPTIDE.


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: lun nov 07, 2011 1:56 pm 
Non connesso
Operatore Professionale Pesca Sportiva
Avatar utente

Iscritto il: mer giu 08, 2005 12:40 pm
Messaggi: 12878
Località: Verona
Sta diventando una discussione pessima :smt009

Uno che mi dice che può fare le stesse cose con una canna in due pezzi da quattro once contro una mono da 2, ok, con che aumento di peso e perdita di sensibilità magari? A questo punto sarebbero proprio pirli anche in Airrus a non farla direttamente a innesti :smt005 ci scherzo ovviamente, almeno un po' :wink:

Sergio, probabilmente sei un buon pescatore ma mi pare che le parole non siano il tuo forte a volte :wink:
Ecoscandaglio, pesci presi a spinning? Come se un pesce a vertical non tirasse? Avevi finito gli argomenti? Vuoi che ne tiri fuori qualcuno io?
Ad esempio "testare" significa portare un'attrezzo al limite e anche oltre, cosa che ne una spigola ne un barra mediterraneo possono fare per una canna di quella classe; va provato così per sapere come funziona in casi imprevisti, se c'è del margine per il pescatore.... la vuoi "testare" bene? dalla a me che la settimana prossima parto per l'Oceano Pacifico, vedrai come la testo :-D , come già feci con la labrax sulle trenta libbre a Cuba.
Mi vuoi obiettare pesci lontani e situazioni irripetibili qui? Palle, c'è chi ha preso tonni da 40 con cannino da un oncia e un quarto proprio nel tuo mare quando io vado con una PE6 almeno.... è bello sapere cosa regge quella canna .
Al massimo te, per adesso e alla luce di quanto ci mostri, mi puoi dire che quella canna nella normalità si comporta bene, ma finchè non farai delle prove davvero stressanti non potrai dire di averla "testata".

Poi a me, da buon ignorante e da pescatorello grezzo, invece che i poteri magici e le tecnologie cosmiche, piace conoscere che sensazioni da un attrezzo e come si comporta in pesca, anche nell'inaspettato, non me ne frega nulla di tecnologia costruttiva o se è stato intessuto il carbonio con peli di vergine polacca, non ho abbastanza conoscenze tecnologiche e non ne parlo, punto! Ma io sono molto poco tecnico, la mia conoscenza non me lo permette, mi limito a tirare pesce un po' dappertutto :oops:
Quello che ti voglio fare capire è che se io e te siamo ignoranti in materia scientifica, se ci mettiamo a parlare di roba così tra noi possiamo solo che passare per pirla :-D Lasciamo discuterne i "grandi" se vogliono farlo e manteniamoci su un bel "come mi piace", "come lancia bene", "che sensibile che è" e roba simile, non "mio cuggino mi ha detto", ne guadagna la credibilità :wink:
Tutto ciò a prescindere dalla qualità della canna del thread che magari è ottima!

Ah, per la cronaca, negli anni ottanta pescavo con una Space della Browning che aveva avvolgimenti esterni in fibra di kevlar, a tradurre "filament winding" mi pare ci stiamo proprio dentro e costava settantamila lire mi pare di ricordare :-D

_________________
Alessandro Massari

http://alleslures.blogspot.com/
http://thevagabondfisherman.blogspot.com/

Produttore artificiali custom Alle's Lures
Agente per l'Italia di Ripple Fisher, Yamaga Blanks, Carpenter e altri.
Negoziante specializzato nel settore spinning, tonno e estremo.
Collaboratore de "La Pesca Mosca e Spinning" per la pesca tropicale

Immagine Immagine


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: lun nov 07, 2011 3:16 pm 
Non connesso
Senior Member
Avatar utente

Iscritto il: dom gen 17, 2010 10:10 pm
Messaggi: 555
Località: Maruggio
:grin: chiedo scusa a tutti, non volevo sollevare queste polemiche...non mi sono spiegato bene e ritento....ho solo voluto apprezzare la possibilità di ottenere un' azione ripartita su un attrezzo in più sezioni (anche 2) piuttosto che sulle monopezzo dove, non è che non si possa avere, ma ciò comporterebbe un costo esorbitante ed una produzione a rilento. Es. sono le citate 2 canne al mese...quello che voglio dire è che il mercato in qui opera Airrus è lo stesso di quello delle altre marche blasonate che producono monopezzo e che le vendono a pari prezzo o con qualcosa in +. Allora è ovvio che tali mono pezzo non potranno mai avere un' azione dell' airrus che in realtà ha delle sezioni separate e a ripartizione di potenza, ma che grazie al loro sistema di "incollaggio" dei fusti, mantengono elevati livelli di sensibilità...tali mono pezzo per rispecchiare un' azione ripartita dovrebbero costare molto di più...spero di essermi spiegato bene :grin:

Per quel che riguarda la livebait...è stata la mia seconda (prima :-D ) mono pezzo dopo la ultra XL...l'ho rivenduta dopo un ora di pesca...degustibus :wink:

_________________
Danilo


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: lun nov 07, 2011 5:45 pm 
Non connesso
Operatore Professionale Pesca Sportiva
Avatar utente

Iscritto il: mar apr 04, 2006 3:30 pm
Messaggi: 1500
Località: Roma
Ale a me sembra che la discussione sia invece interessante solo che le persone dovrebbero sempre evitare di perdere gli orizonti.
Hai ragione forse io non ho le giuste competenze tecniche per descrivere tecnicamente una canna ad ambermax ma come hai visto c'è chi è in grado di farlo....non mi vergogno a passare il testimone ad altri quando il discorso supera le mie possibilità questa si chiama modestia.
Velatamente mi avete fatto notare che non ho capacità per scrivere un close up ma quelle semplici parole che tu dicevi...mi piace, è sensibile, ci lancio bene.....io le ho scritte basta che leggi il post iniziale.
Insomma vi è stato risposto a tutto e in maniera esaudiente.

Per quanto riguarda il modo di testare le canne da pesca non sono daccordo Ale per il semplice motivo che ne la Ultra Xl ne la Labrax sono canne da pesca al tropico.
Poi visto che io la labrax l'ho provata a differenza vostra che la Airrus non l'avete neanche vista da lontano ti posso aggiungere che se la Labrax è sopravvissuta ai tropici la Ultra Xl non avrebbe ugualmente problemi visto che è piu' potente e piu' dura soprattutto nella parte centrale e inferiore.
Se non consideri un barracuda da 8kg o una ricciola da 6 un bel test per una 20lbs da 1oz allora non so che dirti ma soprattutto mi chiedo se li avete mai agganciati pesci del genere da una scogliera con il mare mosso da maestrale con tutte le problematiche del caso.
Io non ti rinfaccio il fatto di pescare a Cuba e di fare li i test...però io credo che come Tester ho una formazione piuttosto ampia e variegata, pesco tanto da riva quanto dalla barca...non mi limito a jiggare un piombo in testa ad un pesce trovato da un ecoscandaglio da 1000 euro...sai benissimo che lo spinning è altro.....per cui prima di dirmi che non sono in grado di fare un close up ripeto che chiunque dovrebbe sempre ricordare da dove viene, io 10 anni fà pescavo a spinning altri magari facevano bolentino e traina.
I Test Ale vanno fatti nelle condizioni difficili ma sempre rapportati alle situazioni per cui è studiata una canna da pesca, pescare barracuda di grosse dimensioni o anche altri pesci con mare molto grosso, in solitaria, è una situazione difficile che ti porta piu' volte a dover risolvere delle situazioni pericolose.
La canna ti accompagna in tutto il percorso da quando ferri il pesce a 20metri e comincia le fughe in corrente, poi devi fermarlo quando tenta di arrivare sul fondo e infine ti resta la parte piu' difficile portarlo in un punto dove riesci a salparlo....se tutto questo riesce e riesce più di una volta io considero la canna affidabile.
Pescare in barca ha i suoi vantaggi non puoi negarlo, Ambermax che testa per lo più canne da jigging va incontro a problematiche diverse e le sue canne non hanno nulla a che vedere con le Airrus ma neanche con una Labrax.
Infine cosa vorresti dire che ai fini di un test su di una canna valgono solo pesci presi a Cuba o ai tropici....sono sicuro che quando Massimo vi ha dato da provare le Labrax ha tenuto in debita considerazione gli stupendi pesci presi in mediterraneo da alcuni del vostro staff...anche se erano barracuda o spigole prese dagli scogli.
Poi ti ricordo che Airrus è una ditta Americana che ha anche un team di pro americani che pescano in acque dove tu vai in vacanza.....anche loro si danno da fare te lo assicuro :wink:

Mi piacerebbe che invece di porre dubbi su una tecnica costruttiva si cercasse almeno di vedere il prodotto prima di parlarne...io nel mio piccolo credo che potrei dare un giudizio sulla Labrax e altrettanto sugli artificiali seaspin e su quelli di altre marche.....quanti di coloro intervenuti nella discussione hanno pescato con una Ultra XL 761 MH?????
Essere un Tester significa anche tenersi aggiornati su quello che fanno gli altri non basta prendersi quei 3 artificiali contati e mettere le foto come spesso mi fate notare....io lo sò bene...chissa se vale per tutti questa etica professionale :smt102
Se una volta capiti a Roma, magari andiamo a pesca insieme tu porti la Labrax io la Airrus poi le proviamo insieme.....magari alla fine facciamo anche un close up.....questo sarebbe un modo che darebbe a tutti la possibilità di parlare....in caso contrario probabilmente dovreste fidarvi delle parole di un vecchietto che da decenni costruisce canne e le mette nelle mani del mondo intero.
Canne che tra l'altro vengono usate in america per vincere gare quali il bass master o in mare svariati tournament di pesca al redfish....che dici basteranno tutti questi test?

Ciao Ale è sempre un piacere fare due chiacchiere con te :smt023

_________________
Sergio Molinari
Tester for CASTAIC, REACTION STRIKE, FALCON RODS, AIRRUS RODS,RIPTIDE.


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: mar nov 08, 2011 1:13 am 
Non connesso
Operatore Professionale Pesca Sportiva
Avatar utente

Iscritto il: mer giu 08, 2005 12:40 pm
Messaggi: 12878
Località: Verona
:-D :-D :-D

Mi perdonerai se inizio con le faccine, ma condivido quasi zero di quello che hai scritto :wink:
Mi perdonerai se non metto il mio curriculum di pescatore a supportarmi :grin: ma qualcosina dalla scogliera con onde alte l'ho presa pure io in passato :-D ( però, per chiarire i tuoi dubbi se li ho o meno mai agganciati pesci del genere da una scogliera con il mare mosso con le 20 libbre, se vuoi ti metto qualche fotarella in pvt per non appesantire il thread :wink: ), e credo anche di avere preso più di qualche pescetto nel Med già in un passato anche discretamente remoto, anche più remoto della tua presentazione su Seaspin :-D Come credo, magari peccando un po' di presunzione :wink: , che aver girato quei due angolini e provato un paio di perchie qua e là mi permetta qualche confronto di attrezzi in modo abbastanza distaccato :-D .... ma lasciamo le ruote ai pavoni! :smt039
Ti ripeto, non è un discorso su quel modello di canna, ne un confronto con la Labrax ( tra l'altro ora sto pescando Yamaga, Falcon e Daiko su quella fascia ), ma un'obiezione sul metodo alla Wanna Marchi, per essere chiari, tutto lì; metti sostanza che va bene e basta quella.... Come ho scritto sopra, magari è pure un'ottimo attrezzo, testato per redfish e bass ( ma non era da scogliera ? :-D o da spiaggia? hai mai visto come pescano gli americani in spiaggia? hai mai pescato con un americano? :-D )... perdonerai se non mi interessa provarlo ( non testarlo, quello si fa in fase di realizzazione e non a modello commercializzato :wink: ), ma credo di avere tra garage e casa ormai una mezza quintalata di canne e sto a posto così :-D .... fino al prossimo capriccio :oops:
Comunque no, pesci da 6-8 kg sono certo belle catture ma nessun test per una canna di quella fatta, devono essere ordinaria amministrazione, non come prede ovviamente dato che si tratta di ottimi e non frequenti esemplari, ma riguardo alla gestione da parte dell'attrezzo.... ma poi non si parlava di una 25 libbre da un oncia e un ottavo? :smt102

Ti ringrazio per l'invito che mi fa molto piacere, anche se chissà che stramberia di canna io avrò in mano per quel momento, è molto più facile fare capire il proprio pensiero tete-a-tete, magari ricambio con un invito offshore in adriatico... anche se ormai andiamo alla stagione prossima :grin:

_________________
Alessandro Massari

http://alleslures.blogspot.com/
http://thevagabondfisherman.blogspot.com/

Produttore artificiali custom Alle's Lures
Agente per l'Italia di Ripple Fisher, Yamaga Blanks, Carpenter e altri.
Negoziante specializzato nel settore spinning, tonno e estremo.
Collaboratore de "La Pesca Mosca e Spinning" per la pesca tropicale

Immagine Immagine


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: mar nov 08, 2011 1:23 am 
Non connesso
Senior Member
Avatar utente

Iscritto il: mer ott 12, 2005 7:49 am
Messaggi: 6176
Località: Grosseto
Swell77 ha scritto:
.....per cui prima di dirmi che non sono in grado di fare un close up ripeto che chiunque dovrebbe sempre ricordare da dove viene, io 10 anni fà pescavo a spinning altri magari facevano bolentino e traina.


Non è vero. E lo dicesti te.
viewtopic.php?f=28&t=2803&p=26745#p26745


Primusuck, in questo forum, la "consapevolezza delle monopezzo" si era già raggiunta il 21 Luglio 2005 data di questo 3d, e specificato nella seconda riga del primo post.
viewtopic.php?f=8&t=1294&p=2851&hilit=consapevolezza#p2851

Che adesso mi vieni a dire che il forum che ha indiscutibilmente insegnato e diffuso lo spinning in mare è popolato di cazzoni che non ci hanno capito nulla...... :smt021 :smt021 :smt021

Parli di canne da 4 oz, monopezzo da 2 1/2...........eravamo agli inizi, quando si pensava che per prendere i pesci marini ci volesse la KK e nient'altro.
Poi: viewtopic.php?f=9&t=4231&hilit=leccia+con+la+844
Leggilo per cortesia, è del 2006, leccia da terra con IMX 844 da 1 oz.
(colgo l'occasione per ricordare Ispa75, autore del 3d linkato e adesso tragicamente non più tra noi :smt009 )

Ma te parli di un'altra pesca, non dello spinning.
Nello spinning si deve sentire la spigola che prende in bocca un silicone, si deve sentire l'artificiale che vibra nella risacca e che ci dice che è il momento di tenerlo li, in quel punto preciso.
Ecco a che serve una monopezzo da 5/8, 3/4 o da 1 oz. e realizzata con alto modulo, prova a sentire queste cose col tuo batacchio da 4 oz. :wink:

Swell....alla fine, e te lo dico col massimo rispetto, io credo che pretendere di trattare come novellini o sprovveduti gente che quando te iniziavi a lanciare plastichetti, loro avevano già percorso una lunga strada nei meandri della tecnica, sia quantomeno un pò presuntuoso.

_________________
Enzo
"Rispettare un aumento delle misure minime del pescato, praticare il Catch & Release e limitarci a trattenere solo alcuni capi rappresentativi deve diventare un'obbligo morale di ciascun pescatore sportivo"..........Staff Seaspin


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: mar nov 08, 2011 9:45 am 
Non connesso
Operatore Professionale Pesca Sportiva
Avatar utente

Iscritto il: mar apr 04, 2006 3:30 pm
Messaggi: 1500
Località: Roma
Scusa Enzo sono solo 7, quelli fatti in freshwater li mettiamo insieme agli anni di bolentino e traina di altri utenti del forum se ti fa sentire meglio :wink:...peccato perchè i primi cucchiaini a cavedani li ho lanciati a 13 anni, quasi me la battevo con i grandi del forum :oops:

Scusa mi dici verso chi sono stato irrispettoso o ho mostrato presunzione??

Ad Ambermax al quale ho riconosciuto di essere piu' competente tecnicamente e gli ho fatto rispondere da chi la canna l'ha inventata? Tra l'altro non è ancora convinto e dice che sono due pezzi...io i miracoli non li faccio.

Ad Alefish? Con lui discuto sempre piacevolmente, delle volte non siamo daccordo ma che centra!!
Peschiamo in realta diverse e abbiamo vedute diverse, per me è uno che pesca e l'ho sempre avuto in simpatia.

A Massimo?? Lui è la guida, colui che in sei giorni ha creato lo spinning e il settimo ha finito i pesci mentre riposava...mi riprende ma mi lascia sempre qualcosa di buono....non credo di avergli mai mancato di rispetto.

Tempesta il fatto che il nick viene scritto in verde o rosso non c'entra nulla con il rispetto che uno deve ad una persona o con la sua competenza in ambito spinning.
C'è chi è bravo a fare jigging e si diletta a farsi le canne da solo, chi pesca grandi palamite e tunnidi sfruttando le sue acque oppure si diverte con i carangidi...in questi ambiti vengono sfruttati nel forum per moderare le varie sezioni, ma il rispetto se lo guadagnano anche nel modo in cui gestiscono i rapporti con gli altri.

Poi ci sono io che faccio un pò tutto, ho iniziato con i barracuda e pensa me li sono anche trovati da solo nessuno mi ha detto che ce li avevo davanti, sono passato alle spigole da riva e così via...sapessi quanti cappotti sotto la pioggia a camminare sulla sabbia.
Sapessi i km macinati per trovare quei 20 metri d'acqua per provare i jig di toni mentre qualcuno con la barca deve solo aspettare la giornata di sole per uscire con la barca.
Sapessi l'umido che ho preso per scoprire che le spigole in foce non mordono come dicevano sul forum ma aspirano tutto.

Enzo grazie per avermi ricordato questi sette anni, quante cose che ho fatto e che bei momenti :smt039

_________________
Sergio Molinari
Tester for CASTAIC, REACTION STRIKE, FALCON RODS, AIRRUS RODS,RIPTIDE.


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: mar nov 08, 2011 10:07 am 
Non connesso
Senior Member
Avatar utente

Iscritto il: dom gen 17, 2010 10:10 pm
Messaggi: 555
Località: Maruggio
Tempesta ha scritto:

Primusuck, in questo forum, la "consapevolezza delle monopezzo" si era già raggiunta il 21 Luglio 2005 data di questo 3d, e specificato nella seconda riga del primo post.
viewtopic.php?f=8&t=1294&p=2851&hilit=consapevolezza#p2851

Che adesso mi vieni a dire che il forum che ha indiscutibilmente insegnato e diffuso lo spinning in mare è popolato di cazzoni che non ci hanno capito nulla...... :smt021 :smt021 :smt021

Parli di canne da 4 oz, monopezzo da 2 1/2...........eravamo agli inizi, quando si pensava che per prendere i pesci marini ci volesse la KK e nient'altro.
Poi: viewtopic.php?f=9&t=4231&hilit=leccia+con+la+844
Leggilo per cortesia, è del 2006, leccia da terra con IMX 844 da 1 oz.
(colgo l'occasione per ricordare Ispa75, autore del 3d linkato e adesso tragicamente non più tra noi :smt009 )

Ma te parli di un'altra pesca, non dello spinning.
Nello spinning si deve sentire la spigola che prende in bocca un silicone, si deve sentire l'artificiale che vibra nella risacca e che ci dice che è il momento di tenerlo li, in quel punto preciso.
Ecco a che serve una monopezzo da 5/8, 3/4 o da 1 oz. e realizzata con alto modulo, prova a sentire queste cose col tuo batacchio da 4 oz. :wink:

Swell....alla fine, e te lo dico col massimo rispetto, io credo che pretendere di trattare come novellini o sprovveduti gente che quando te iniziavi a lanciare plastichetti, loro avevano già percorso una lunga strada nei meandri della tecnica, sia quantomeno un pò presuntuoso.


Ti ringrazio per avermi fatto notare quei link che mi ero perso e che leggerò prima possibile :grin: questo forum mi sta insegnando tanto e mai mi permetterei di dire che è composto da gente che non capisce niente, però io facevo un discorso generico...è ovvio che se parlo di pesca alla spigola la sensibilità è d'obbligo e le mono pezzo sono di gran lunga superiori alle 2 pezzi, ma io ho solo voluto esaltare la capacità di airrus di dare sensibilità di una monopezzo e risposta del fusto tipica delle 2 pezzi, senza dover salire notevolmente con i prezzi...poi se non è chiaro non credo che sappia spiegarmi meglio :wink:
Grazie,
Danilo.

_________________
Danilo


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: mar nov 08, 2011 11:29 am 
Non connesso
Staff Seaspin e Operatore Professionale Pesca Sportiva
Avatar utente

Iscritto il: sab giu 04, 2005 6:53 pm
Messaggi: 12756
Località: (Zena)
Swell77 ha scritto:
Sapessi l'umido che ho preso per scoprire che le spigole in foce non mordono come dicevano sul forum ma aspirano tutto.


OT
La pesca al bass ti è servita a poco dunque, se per scoprire che le spigole si comportano come i bass hai preso così tanto umido, personalmente l'umido e il freddo li ho presi per cercare di farle succhiare, non per scoprire che succhiano...

Per terminare la quotatura ad Ale...

Si, mi ricordo pure io parecchie canne avvolte con il kevlar e il carbonio a trama tipo Burlington negli anni 80 e 90, dam, mitchell, browning appunto, ma anche silstar, tanto per citare alcuni marchi che vedevo su mister fish di carta...
Siamo vecchi? :smt005

_________________
:grin:
Davide Boledi
Staff Seaspin

pescaricreativa.org
SonOTS un fan accanito e potenzialmente pericoloso del signor Al Backet. Seghi-so!!!


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 108 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010